Leonardo Da Vinci : Trait d’union de la relation culturelle Franco-italienne

Il 2019 sarà un momento saliente per le notizie culturali che uniscono Francia e Italia con il 500 ° anniversario del Rinascimento sotto l'egida dello scienziato italiano Leonardo da Vinci, un uomo moderno, visionario in anticipo sui tempi. "Viva Da Vinci" segnerà le celebrazioni nazionali e internazionali del 2019 che includeranno anche scoperte contemporanee e arte moderna.

*****

 

1519-2019, 500 anni di cultura, patrimonio e innovazione che hanno trasformato la storia negli ultimi secoli grazie allo spirito illuminato di uno scienziato italiano di nome Leonardo Da Vinci! In Italia come in Francia, la memoria del genio del Rinascimento è ancora incinta come il mondo, indubbiamente il più grande direttore d'orchestra intellettuale e scientifico.

 

Per celebrare la musa di questo periodo fondamentale della nostra storia, che ha fatto le sue prime opere a Firenze, Roma, Venezia o Milano e finì la sua vita nel 1519 al Château du Clos Lucé di Amboise (Indre et Loire) nella regione Castelli Loire su invito del re Francesco i, la regione Valle della Loira Centre ha voluto onorarlo lanciando un grande programma di festa "Viva da Vinci" sulle orme di una rinascita universale e reinventato, che si terrà durante la tutto l'anno 2019. Con "Viva Da Vinci" sono più di 500 progetti che commemorare la morte di Leonardo da Vinci, la Caterina de 'Medici di nascita o la posa della prima pietra del castello di Chambord, ma l'incredibile celebrazione dei festeggiamenti . Stéphane Bern, personalità iconica e popolare, come ambasciatore dei 500 anni del Rinascimento a Central Valle della Loira, sarà l'idea della convergenza tra i settori scientifici culturali e storiche. Un piano d'azione specifico è stato attuato congiuntamente dal Consiglio regionale del Centro-Valle della Loira, dal suo Comitato regionale per il turismo e da Atout France, sotto gli auspici del Ministero dell'Europa e degli Affari esteri. Questo accordo di partnership globale firmato tra Atout France e il Centro-Regione della Loira garantirà la promozione congiunta dell'evento in 12 paesi del mondo e in primo luogo in Italia nel 2018 e nel 2019. Il Festival inizierà a marzo 2019, il programma degli eventi sarà disponibile online su France.fr. Le 2 conferenze stampa di lancio, organizzate da Atout France e aperte solo ai media, si svolgono il 15 ottobre al Castello Sforzesco di Milano e il 16 ottobre a Roma a Palazzo Farnese.

 

L'economia turistica, un fattore di resistenza per l'economia nazionale Il bilancio del turismo per la prima metà del 2018 e la stagione estiva è molto soddisfacente con un aumento del turismo del + 2,3%, sostenuto soprattutto dalla domanda estera in forte crescita (+ 6,3%). Tutte queste cifre sono ottimi indicatori per la bilancia dei pagamenti in Francia, l'economia del turismo si sta affermando come un fattore chiave per l'economia francese.

Gli obiettivi pubblicati dalla Francia sono a portata di mano: 100 milioni di turisti internazionali entro il 2020; 60 miliardi di entrate turistiche da parte di visitatori internazionali; + 20% di investimenti nel settore. L'industria del turismo è una priorità per la Francia, il governo ha implementato misure di agevolazione del flusso (rilascio dei visti in 48 ore, riduzione dei tempi di attesa negli aeroporti) e una strategia per massimizzare i vantaggi turistici grandi eventi sportivi. Grazie all'azione intrapresa da Atout France, consistente nel rafforzamento di una strategia di valore con l'attuazione di "Contratti di destinazione" per diversi anni e nella strutturazione di offerte turistiche specifiche come l'enoturismo, la spesa media per il visitatore mostra un aumento netto del + 10,7% in Francia. Inoltre, per supportare la strutturazione e la proiezione internazionale di tutte le nostre destinazioni, Atout France si posiziona come catalizzatore di tutte le iniziative pubbliche e private, nazionali e territoriali in termini di promozione e investimento.

L'operatore ha un sistema di supporto per l'ingegneria del turismo, "France Tourisme Ingénierie", in collaborazione con i consigli regionali e la Banca dei Territori, per aiutare le destinazioni a sviluppare il loro progetto, accelerare le decisioni di investire e promuovere la riqualificazione di strutture ricettive e turistiche. Questa politica sarà sostenuta dalla Banque des Territoires, che assegnerà 500 milioni di euro per finanziare progetti turistici.

Share this page Share on FacebookShare on TwitterShare on Linkedin

Close

Adhérer