L M M J V S D
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
 
 
 
 

Intervista a Marc Benayoun, CEO Edison

28/11/17


• Da quest’anno Edison è membro Gold della Chambre con la quale ha sviluppato una stretta relazione. Secondo lei, che cosa può offrie la Chambre a grandi aziende come la sua?

Innanzitutto la relazione con la Chambre mi dà l’opportunità di parlare e confrontarmi direttamente con altri dirigenti di aziende francesi in Italia; in questo momento di “polarizzazione”, è importante avere un contesto di qualità in cui sviluppare riflessioni e messaggi equilibrati che siano di supporto e di valore per la relazione tra i Paesi.

Inoltre il network delle aziende della Chambre è un valore in sé per un’azienda come Edison, sempre aperta a cogliere occasioni di “cross-fertlization” e, più in generale, a sviluppare insieme opportunità commerciali.


• La sua azienda sostiene attivamente le Start Up in Italia. Per quale ragione e per quali obiettivi?

L’open innovation è un tema importante nel Gruppo EDF e viene sviluppato attraverso un’iniziativa dedicata alle start-up, l’EDF Pulse Awards, che, negli ultimi quattro anni, ho sostenuto quasi 20 nuovi progetti imprenditoriali legati all’energia o all’ambiente. Edison poi è un’azienda che ha l’imprenditorialità nel suo DNA; molti degli attuali business di Edison sono frutto di una visione imprenditoriale basata sull’innovazione tecnologica; ebbene, in un mondo dell’energia in forte cambiamento, crediamo che le idee per un futuro energetico più sostenibile debbano essere supportate ed alimentate. Edison lo fa attraverso un sostegno economico, ma anche mettendo a servizio delle start-up più meritevoli un know-how tecnico di eccellenza e le sue competenze manageriali.

E’ un piacere aiutare i giovani imprenditori, è anche una forma di “give back” per una grande impresa responsabile. Nell’ultimo anno abbiamo lanciato anche dentro Edison dei progetti per sostenere l’entrepreneurship e promuovere le nuove idee – di business e di processo –; le nostre persone hanno risposto alle Call for Ideas in modo eccezionale e portando progetti di qualità. Al momento ne abbiamo tre in fase prototipale, tutti tesi ad essere più vicini al cliente e ai mercati. 


Edison si è associato alla Chambre nella sua azione di responsabilità sociale decidendo di ospitare il Cocktail di Natale i cui ricavati saranno devolti a una Start Up nata in una delle zone toccate dai terremoti che hanno devastato il centro Italia. Che cosa significa per Edison essere socialmente responsabile?

Edison è un’azienda fortemente integrata nei territori in cui opera ed è abituata a creare valore proprio attraverso le comunità, a partire dalla “community” dei suoi dipendenti che sono professionisti eccellenti e “coinvolti” negli obiettivi dell’azienda.Oggi poi, in coerenza con l’ambizione sposata dal gruppo EDF, Edison è impegnata a perseguire obiettivi in linea con i Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite. Si tratta di costruire piani di azione di medio-termine che mirano a traguardi importanti per l’azienda e la società: mi piace in particolare ricordare il contrasto al cambiamento climatico, ma anche la produzione sostenibile e la biodiversità, dove abbiamo progetti per la tutela dell’ecosistema marino veramente interessanti.Inoltre lavoriamo molto per promuovere l’accesso alla cultura: un ottimo esempio è il nostro impegno in collaborazione con il Comune di Milano e con il Teatro alla Scala all’iniziativa della “Prima Diffusa”: l’obiettivo è di far sì che un evento culturale importante diventi veramente patrimonio di tutta la città attraverso un palinsesto di eventi estesi all’intera Milano che accompagnano la Prima della Scala di cui Edison è sponsor:  quest’anno sarà l’Andrea Chénier di Umberto Giordano. 

La cosa più bella è che attraverso azioni concrete nella disponibilità dell’azienda, come la scelta delle tecnologie o dei fornitori, siamo in grado di contribuire a risultati molto importanti per la società, a rendere più vivibili e belle le nostre città, ad assicurare il rispetto dei diritti umani lungo tutta la catena del valore delle nostre attività. In Edison esiste un dipartimento che si occupa di CSR, ma la scelta vincente è stata quella di diffonderla in azienda creando una rete di focal point che coinvolge tutti i business ognuno con le sue specificità.